Blog: http://hooverine.ilcannocchiale.it

domenica

In assenza di soprammobili e centrini, spolvero libri, sposto scaffali, tolgo la polvere dai pupazzi senza occhi. Penso al matrimonio di mio fratello, e ne sono felice, e mi chiedo "avrei voluto anche io avere così poca fantasia?". Le nozze si sono collocate nel prossimo autunno, l'ultimo giorno di ottobre. Mi illudo che sia stato deciso così per venire incontro alla mia richiesta. Autunno, calze pesanti, colori scuri, scarpe col tacco, cappello di feltro, incarnato pallido, vento, foglie secche. In quel giorno comincerò a diventare zia, a preparami per il momento in cui zia lo sarò davvero, e potrò godere di una felicità in prestito, interinale, estiva, quando in qualche stazione della riviera andrò a prendere i nipotini in vacanza e li porterò in una casa grande, piena di cani, immersa nel bosco. Mi sembra che possa essere questo lo scenario più plausibile, l'avventura migliore che possa capitarmi, colonie estive per figli altrui, letti sempre pronti per amanti in fuga, pile di libri non miei che si ammassano sugli scaffali ikea, da spolverare prima di pranzo, una domenica sì e una no.

Pubblicato il 23/11/2008 alle 13.28 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web