Blog: http://hooverine.ilcannocchiale.it

vita da scioperata

La mattina porto Zoe al parco. Parco è un termine improprio, che non appartiene alla terminologia della mia città, ma per i diversamente catanesi va benissimo. Insomma, un giardino pubblico che si trova a pochi isolati da casa mia. Al mattino è frequentatissimo da ragazzi delle scuole superiori (i temutissimi studenti medi) che vanno lì a baciarsi e a parlare di cellulari. Passeggio la mia cagnetta con nonchalanche, ascolterei pure della musica se non fosse che l'auricolare sinistro viene sempre scalzato dal piercing nell'antitrago, e volevo pure comprare una cuffia come si usava anni fa e invece non ne trovo, a meno di rassegnarsi a comprare degli orrendi cosi che non indosserei mai, mai, mai e poi mai. Mai.
Zoe ha una sua aiuola prediletta. Una mattina un giovane padre che l'ha vista accosciarsi ha urlato da lontano:

Signorina poi la toglie, vero?

Guardi che ha fatto la pipì, come la tolgo?

Un'altra volta un ragazzo ha detto a un altro ragazzo che i nuovi giochi per bambini sembrano i pali su cui si arrampicano le babbucce allo zoo.

Le babbucce?

Le babbucce.

Ma le babbucce te le metti ai piedi.

Sì, ma ci sono anche le babbucce, gli animali, delle piccole scimmie.

Tornando a casa, mi fermo in edicola, compro il giornale. Poi prendo il caffè al bar ricevitoria che si trova dall'altra parte della strada, davanti al mio portone. Se è il caso faccio la spesa. Poi torno su, traduco un po', ascolto musica a volumi che mia madre definirebbe altini. Qualcuno viene a trovarmi, qualcuno mi telefona. La sera decido da me se uscire o restare a casa. Ogni tanto incontro Ciuzzo, che rientra sempre molto tardi. Lo incontro di notte, oppure al mattino, e ha sempre la stessa faccia che grida aiuto.
C'è tanto sole. Mi aggiro come una pensionata tra la cucina, il bagno, la camera da letto, la sala da pranzo. Ho anche un cappotto da pensionata. Non mi manca niente. Anche annoiarsi costa fatica, pare.

Pubblicato il 12/2/2009 alle 0.22 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web